CARTA E CARTONE

Il vostro posto fa la differenza

SI

  • giornali, riviste, depliant, pieghevoli pubblicitari, quaderni, libri, buste, fotocopie, fogli di carta, post-it
  • confezioni in poliaccoppiato (esempio Tetra Pak) per bevande e alimenti (succhi di frutta, latte, vino)
  • astucci, confezioni e fascette di cartoncino
  • imballaggi in cartone
  • scatole di cartone anche di alimenti
  • scatole e foglietti illustrativi dei medicinali (non i farmaci)
  • confezioni di cartone per uova, cartoni per la pizza

NO

  • carta plastificata, chimica e oleata
  • scontrini
  • carta da forno
  • carta sporca di olio, solventi, vernici
  • carta vetrata

Come differenziare

  •  Separare con attenzione la carta e il cartone dagli altri rifiuti: basta una piccola quantità di materiale estraneo per inquinare tutto il resto e renderlo non più riciclabile.

  • Non inserire mai carta e cartone in sacchetti di plastica né tenerli insieme con nastro adesivo.

  • Togliere il cellophane che spesso riveste i giornali prima di buttarli.

  • Ridurre di volume il cartone.
  • Conferire all’ecocentro i cartoni di grandi dimensioni o in grossi quantitativi.

Perché differenziarli?

Carta, cartone e cartoncino possono vivere quasi all’infinito.
Basta separarli accuratamente, in casa, a scuola e al lavoro, non gettandoli insieme agli altri rifiuti. Un semplice gesto quotidiano che consente il loro recupero, perché possano tornare ad essere nuova carta, cartone e cartoncino.

Ogni italiano utilizza in media 80 kg di imballaggi di cellulosa all’anno e ne ricicla circa 50 kg. Per aumentare di 1 kg al mese la quantità di carta riciclata è sufficiente non gettare nel rifiuto secco non riciclabile 4 scatole per la pasta, uno scatolone, 3 sacchetti di carta e 2 contenitori per le uova.

FERRAGOSTO SIAMO CHIUSI

Sabato 15 agosto gli uffici e gli ecocentri sono chiusi.

2 GIUGNO 2020 ECOCENTRI CHIUSI

Si comunica che per la festività del 2 giugno gli ecocentri rimarranno chiusi.