Carta e cartone

 

La principale risorsa per fabbricare la carta sono gli alberi: abete, pioppo, betulla, eucalipto.
Dagli alberi si ricava infatti la cellulosa che rappresenta la materia prima indispensabile per la fabbricazione della carta.
Il riciclo della carta comporta la riduzione del fabbisogno di legname e la conseguente salvaguardia di alberi e boschi nonchè la riduzione dei consumi energetici necessari per il processo di produzione.

 

 

Nelle campane stradali di colore giallo si possono introdurre: 

  • Giornali, libri, opuscoli, quaderni, riviste, fotocopie
  • scatole varie schiacciate per ridurne il volume
  • contenitori per latte o liquidi in tetrapack ben sciacquati.
Il cartone si può conferire anche negli appositi cassoni distribuiti nel territorio comunale.
 

-Carta plastificata
-Carta da cucina usata
-Fazzoletti da naso

Cartoni per bevande in "tetrapak" sono imballaggi a base cellulosica e sono utilizzati per confezionare e conservare bevande e alimenti come il latte, i succhi di frutta il vino e altri condimenti vari. Ora possono essere riciclati assieme agli altri materiali cellolosici quali sacchetti di carta, imballaggi in cartone, scatole, fogli di carta, giornali, riviste varie, astucci, confezioni e fascette in cartoncino.